Ultimi lavori (da giugno 2013)

http://danielafilippin.tumblr.com/
Languages

Biografia

Negli anni che seguiranno Daniela spenderà la parte migliore delle proprie energie in creazioni di ben altra natura: assieme a Roberto diventano infatti genitori di un figlio ad inizio 2008 e una figlia nel tardo 2009. Poi, nella seconda metà del 2011, al culmine di una serie di eventi esistenzialmente determinanti, lei decide di riconsacrarsi interamente alla ricerca di opportunità come graphic novelist, sceneggiando e disegnando come suo primo racconto grafico la metaforica Cesta di doni. Il racconto viene poi pubblicato a novembre del medesimo anno dall’Accademia della Bussola di Napoli in un volume auto-prodotto e contenente i lavori di vari artisti.

Nel corso del 2012 Daniela alterna il mestiere di mamma con quello di artista e crea una serie di racconti grafici più o meno brevi: Il lutto, La cesta di doni in una nuova versione, Il viaggio e infine, L’amore. Nel frattempo partecipa a vari concorsi internazionali per illustratori ed esibisce le tavole della seconda versione de La cesta di doni a Torino nel maggio 2012. La mostra viene inclusa nel programma della fiera internazionale del libro di Torino, nello spazio denominato “Salone Off”.

Il racconto breve L’amore, che per Daniela determina l’inizio di uno stile grafico più fluido e personale, viene fatto partecipare al concorso Jeune Talents (Giovani Talenti) del noto Festival del fumetto di Angoulême, edizione 2013. L’amore può essere letto in versione integrale qui.

Nell’ultimo trimestre del 2012 Daniela crea (sceneggiature e disegni) altri due racconti brevi: La montagna del fuoco e Custode della vita. Poi, fra gennaio e marzo del 2013 porta a termine Settembre, che con le sue oltre 80 vignette è il racconto più lungo finora completato. Estratti da La montagna del fuoco e Settembre possono essere letti rispettivamente qui e qui.

Attualmente è in lavorazione la graphic novel Agata & Genziano, che sarà lunga 300 vignette circa.

Daniela Jasmine Filippin nasce a Roma. A sei anni inizia la sua educazione internazionale: con suo padre che lavora freelance per varie agenzie delle Nazioni Unite, assieme al resto della famiglia viene spedita in diverse parti del mondo, più nello specifico in alcuni paesi dell’Asia, l’Africa e i Caraibi. Già bimba crea le proprie storie illustrate, quasi sempre con protagonisti animali.

Nel 1992, dopo la maturità conseguita presso un liceo internazionale a Roma e dopo aver studiato scenografia per un anno all’Accademia di Belle Arti (sempre nella capitale), Daniela si trasferisce a St Andrews, in Scozia. Frequentando le facoltà di storia dell’arte e letteratura inglese presso la storica università, si laurea nel 1997, spostandosi subito dopo nella vicina Edimburgo. Un anno e mezzo più tardi, però, lascia la Scozia a favore di Londra, dove va in cerca di opportunità nel settore dell’editoria. Nei quattro anni trascorsi a Londra Daniela lavora quindi presso BBC Worldwide, la divisione editoriale della BBC, poi trova impiego presso la redazione della casa editrice New Holland.

All’inizio del 2002 Daniela si lascia definitivamente alle spalle Londra, ritrasferendosi nella sua natia Roma. Fino al 2005 lavora presso un mensile di viaggi della capitale, poi si trasferisce in provincia e inizia a lavorare freelance come traduttrice. Riprende anche a disegnare e creare storie grafiche: Sinfonia in bianco sporco è una graphic novel storica nata nel 2006, dalla quale esibisce svariati lavori in una galleria di Trastevere, Roma, alla fine del medesimo anno.

www.danielafilippin.com