Languages
www.danielafilippin.com

Ultimi lavori (da giugno 2013)

http://danielafilippin.tumblr.com/

In termini della nascita del proprio vero se in età adulta, Daniela considera il 2011 – pressappoco dalla metà di quell’anno in poi – come quello del suo concepimento. La somma di eventi degli anni precedenti e dell’anno stesso danno il via a un ritmo di moto perpetuo completamente diverso da quello precedente. Ad esempio nel suo racconto grafico Settembre (2013), l’amato cugino della protagonista dice a quest’ultima, affacciandosi da un treno che sta per separarli: “In questo mondo tutto deve muoversi e mutare di forma, continuamente, altrimenti muore.”


Sebbene il linguaggio della graphic novel sia da sempre (ancor prima che lei avesse conosciuto il termine “graphic novel”) quello più affine al suo modo di esprimersi artisticamente, può stupire che nella stragrande maggioranza dei casi Daniela non tragga, né abbia mai tratto ispirazione dai fumetti o da altre graphic novel. Nel corso della vita ne ha consumate relativamente poche, più per motivi di eclettismo negli interessi che per indifferenza. Dovendo però scegliere, è complessivamente il panorama fumettistico francofono che lei sente più affine – sebbene anche in questo caso esiti a collocarcisi del tutto. Nei fatti, lei si sente decisamente un po’ outsider rispetto a qualsiasi realtà fumettistica: la sensazione più forte che le derivi dall’ingresso in un negozio di fumetti è sempre del tipo di chi, con una punta di timidezza da ospite si dice: “Uno di questi giorni dovrò mettermici seriamente, a farmi una cultura sul fumetto…”


Nella sezione Graphic Novel si possono trovare tutti i lavori di Daniela dal suo concepimento (nel 2011) in poi, iniziando dal più recente.